• fuss_auf_ruebe.tif
    Gestione dei nematodi
Trova il tuo tecnico

Strumenti per la gestione dei nematodi

1. Coltivazione di colture intercalari resistenti ai nematodi

Utilizzando colture intercalari resistenti, è possibile prevenire lo sviluppo di grandi popolazioni di nematodi in rotazioni in cui i cicli di barbabietola da zucchero sono ravvicinati. Inoltre, le colture intercalari permettono di ridurre le densità della popolazione preesistente. Le piante disponibili a questo scopo includono diversi tipi di senape gialla e di ravanello da foraggio resistenti.

Conseguenze:
Riduzione della popolazione dei nematodi spostando il rapporto tra i sessi in favore della popolazione maschile. Le femmine richiedono circa 40 volte più nutrimento rispetto ai maschi per completare il loro sviluppo.

  • Nel caso di piante ospiti suscettibili, il rapporto maschi-femmine è quasi 1:1,
  • mentre nelle piante resistenti è di 100:1.

Per controllare efficacemente i nematodi, è bene tenere presente che:

  • Solo le varietà resistenti di ravanello da foraggio e senape riducono la densità della popolazione;
  • tutte le altre varietà di queste specie contribuiscono invece alla proliferazione.
  • Presta attenzione a una preparazione del letto di semina ottimale!
  • Lo stimolo alla schiusa si attiva solo quando i nematodi sono a stretto contatto con le radici.
  • Un autunno molto secco o molto freddo limita la riduzione della popolazione di nematodi.

2. Coltivazione di colza e barbabietola da zucchero nella rotazione colturale

Quando si desidera coltivare la colza nell'ambito di una rotazione, ci sono diverse sfide da affrontare, dal momento che sia la colza sia la barbabietola possono far crescere la popolazione di nematodi.

Tuttavia, la coltivazione della colza vernina di solito presenta un potenziale più limitato di propagazione dell'Heterodera schachtii, poiché:

  • La semina della colza vernina avviene in autunno, con temperature del terreno in diminuzione.
  • I nematodi a cisti della barbabietola non possono completare il loro ciclo di sviluppo prima dell'inverno.
  • La velocità di sviluppo dei nematodi è bassa anche in primavera a causa delle temperature fredde del suolo.
  • Durante il processo di infestazione, le larve hanno a disposizione solo radici sottili.
  • Con l'inizio della fioritura, la crescita della radice della colza si riduce notevolmente, così come lo stimolo di schiusa dei nematodi.

La coltivazione della colza estiva e la gestione della colza spontanea presentano sfide di maggior rilievo.

Per quanto riguarda la colza che emerge in primavera o in estate, il fittone si trova a crescere con temperature del terreno in aumento o già elevate e incontra, al contempo, un'elevata attività dei nematodi.

Pertanto, la crescita spontanea di colza invernale può portare a una moltiplicazione dei nematodi!

Metodi per evitare la moltiplicazione dei nematodi:

  • Controllo preciso e tempestivo della colza spontanea.
  • Lavorazione delle stoppie o applicazione di erbicida dopo aver raggiunto una somma dei gradi-giorno pari a 250 °C.
  • Eliminando questa colza, il ciclo di moltiplicazione viene spezzato ed è possibile perfino ottenere una riduzione del numero di nematodi.

Nelle rotazioni con colza e barbabietola, è sconsigliato includere il ravanello da foraggio o la senape gialla resistente ai nematodi, poiché entrambe le colture intercalari appartengono alla famiglia delle crocifere e favoriscono una malattia delle piante nota come ernia della rapa.

3. Selezione varietale

Effetto della selezione varietale sull'infestazione da nematodi diversi anni fa.

Soglia di danno economico per varietà di barbabietole da zucchero resistenti ai nematodi:

  • circa 1.200 uova + larve/100 g di terreno
Soglia di danno economico per varietà di barbabietole da zucchero tolleranti ai nematodi:
  • circa 500 uova + larve/100 g di terreno

Tali soglie sono impostate su valori inferiori per i terreni più leggeri e non irrigati, mentre sono leggermente più elevate in terreni molto buoni con un'adeguata riserva idrica aggiuntiva.

Effetto della selezione varietale sull'infestazione da nematodi oggi

In presenza di una minore differenza di resa tra varietà sensibili e tolleranti in assenza di infestazione, le soglie di danno saranno anch'esse minori.

Se un campo viene coltivato a barbabietola da zucchero per decenni e se le rotazioni delle colture mostrano una tendenza a diventare sempre più brevi, vi è un rischio scientificamente confermato che la resa delle colture sia messa a rischio da un'infestazione di nematodi a cisti. Questo può essere minimizzato mediante la coltivazione di varietà tolleranti ai nematodi .

Oggi, essendovi una maggiore disponibilità di varietà tolleranti ai nematodi con prestazioni paragonabili alle varietà semplicemente tolleranti, le precedenti soglie di danno hanno perso la loro importanza.

kws_plant_growth_management_pests_nematode_management_4_it.png